L’Unione Ciechi d’Europa di Agrigento, dietro la preziosa guida del Presidente Provinciale Lillo Cinquemani, in collaborazione con lo IERFOP Onlus di Agrigento e con il circolo Mcl Chiaramonte di Favara, festeggia con orgoglio un  grande traguardo: Marino Gasparino, centralinista telefonico non vedente, viene trasferito a lavorare presso il proprio Comune di residenza, Cianciana.

“Per un lavoratore non vedente è molto importante lavorare nei pressi della propria residenza per le ovvie difficoltà che possono derivare dagli spostamenti per raggiungere il posto di lavoro” spiega Lillo Cinquemani.

Rino Marino, giovane lavoratore residente a Cianciana, per diversi anni ha lavorato con impeccabile professionalità presso l’Ospedale Umberto I di Enna. Nel settembre 2014 conobbe Lillo Cinquemani e dopo appena tre mesi,  in seguito a diverse concertazioni con le amministrazioni coinvolte e dopo numerosi colloqui del Presidente Cinquemani con  l’Arch. Sajeva, Direttore Generale I.A.C.P, sono state definite le procedure per l’attuazione dell’istituto di  mobilità esterna nell’ambito della pubblica amministrazione. Il 16 Gennaio 2015, infatti, Marino Gasparino inizia il suo primo giorno di lavoro presso l’Istituto Autonomo Case Popolari di Agrigento, il più vicino possibile al proprio Comune di residenza.

Grazie al costante impegno dell’Associazione di categoria,  attraverso l’istituto della mobilità esterna, viene trasferito ancora e oggi 05 Febbraio 2020 prende servizio presso il comune di propria residenza: Cianciana.

Ecco cosa dice il giovane protagonista di questa vicenda per mostrare la sua gioia: “Carissimo Lillo non ci sono parole per descrivere la mia

infinita riconoscenza verso di te e verso l’Unione Ciechi d’ Europa. Grazie al tuo costante impegno e la caparbietà dimostrata negli anni sei

riuscito a riportarmi a casa. Lavorare presso il comune della mia residenza: solo tu sei stato capace di farmi realizzare questo sogno!

Dirti semplicemente grazie non basta. Ma stai certo che la mia riconoscenza, stima ed orgoglio verso te e verso l’associazione saranno sempre immensi. Grazie di cuore!”

 

You may also like